#BAM Scommessa VINTA! MEDA Pedala giustamente

2 Comments

CI SONO VOLUTE 8 EDIZIONI PER ORGANIZZARLA CON IL SUPPORTO DEL COMUNE. UN ENTE CHIAMATO AD “AMMINISTRARE” NON PUO’ PERMETTERSI DI VOLTARE LO SGUARDO DALL’ALTRA PARTE QUANDO SI HANNO SUL TERRITORIO CENTINAIA DI PERSONE SE VUOLE ADEMPIERE “CORRETTAMENTE” ALLE PROPRIE FUNZIONI. UN PROGETTO POLITICO CHE FA DEL MOTTO #ENERGIEGIOVANI NON POTEVA RESTARE IN DISPARTE AD UN EVENTO PENSATO DALLA GIOVENTU’ MEDESE, CRESCIUTO NEGLI ANNI ASSIEME AGLI ORGANIZZATORI,  SE NON VUOLE VIVERE DI SLOGAN. QUESTO ED ALTRO SONO ALLA BASE DEL CAMBIO DI PASSO DELLA MANIFESTAZIONE IN SE’ MA ANCHE DI UN NUOVO COSTUME NEL COMUNE.

Era il 2011 quando dei ragazzi nel silenzio generale partorivano un’idea folle: BICICLETTATA ALCOLICA! Semplice: bere – perché quando si è piscia a letto fa sentire grandi! (bei tempi senza responsabilità) – utilizzando il mezzo a pedale. Nella prima edizione si contavano più bar dei partecipanti: Circolo San Francesco, Colmon, Batz, Jolly, Video Pub e dove si aveva voglia di andare; nessuna tappa fissa. Con il tempo in 7 edizioni l’evento – perché ha luogo ogni anno ad inizio estate – cresceva di partecipanti: 30, 50, 80, 100, 200, 300 fino alle 500. L’allegro plotone andava così organizzato e la struttura veniva costruita man mano da alcuni ragazzi del 2011 che nel frattempo da pischelli si erano trasformati in responsabili: veniva data una logica, una piantina e un fine alla Biciclettata che era sempre alcolica (ma dallo sballo passava al divertimento) ma diveniva soprattutto solidale, avviando grazie all’esperienza di vita di un organizzatore una partnership benefica con una Onlus operante nel difficile contesto del Malawi. Quello che ha sempre striduto è stata l’assenza dall’evento del Comune. Nonostante la Bicilettata cresceva la passata amministrazione non si metteva a fianco degli organizzatori. Senza polemizzare: è storia, quest’anno è stato doveroso patrocinare l’evento per una serie di motivazioni che hanno inizio con il numero dei partecipanti che hanno sottoscritto l’evento, oltre 700 persone – difficile capire ancora in quanti abbiano partecipato attivamente –

IL SUPPORTO MUNICIPALE PERCHE’ ?

Il day after della manifestazione che sottolineo NESSUN FERITO, NESSUN LITIGIO, CONDIZIONI DELLE AREE DI SOSTA LASCIATE IN PULIZIA, ha sollevato polemiche per il fatto che il comune – quindi l’amministrazione – abbia avallato la Biciclettata alcolica ….

Signori del regime del dormitorio: sono partito dal 2011 nello specchietto precedente per farvi notare che tutto questo non nasce il 9 GIUGNO del 2018, ma che con il patrocinio o no (quindi l’avvallo) la manifestazione ieri sera sarebbe andata in scena lo stesso ed oggi si sarebbe parlato della “figura dei cioccolatai” fatta da sindaco, giunta e consiglieri incapaci di controllare quello che avviene sul territorio, come avvenuto negli anni scorsi!

La scelta invece è stata chiara fin da gennaio scorso, quando sulla piazza del comune c’era sita la pista di pattinaggio (altra fonte di polemiche) e combattuta nelle sedi comunali da fino a pochi giorni:

SUPPORTO DA PARTE DEL COMUNE ALLA #BAM2018 ! significa:

Innanzitutto responsabilizzare definitivamente l’organizzazione, metterli davanti al fatto compiuto che in caso di mal riuscita dell’evento sarebbero stati loro i responsabili e che per giunta sarebbe stata vietata l’organizzazione dell’evento per il 2019. Il risultato è stato che la struttura della SICUREZZA (e qui va un plauso alle “magliette rosse” della #bam2018) ha retto sotto ogni punto di vista: 45 ragazzi e ragazze hanno saputo condurre il gruppo durante il passaggio tra le vie del paese garantendo il rispetto delle norme. Il gruppo poi ha avuto il supporto per tutta la durata della serata di agenti del corpo della polizia locale – quelli che secondo qualcuno a Meda servono solo a dar le multe – che ha anticipato il plotone andando ad azzerare i varchi più a rischio come l’incrocio in via indipendenza o la percorrenza di via Como, senza patrocinio questo non sarebbe accaduto. Come ultima nella mal augurata sorte di “infortunio” era presente a chiusura del plotone e pronta ad intervenire un’ ambulanza della croce bianca; come eravamo certi, non è servito l’intervento. Inoltre il patrocinio ha permesso la chiusura delle aree tappe della manifestazione mentre negli scorsi anni le soste si svolgevano a strade aperte

Altro aspetto fondamentale era legato al “DECORO URBANO” da mantenere dopo la sosta di centinaia di ragazzi in aree del comune. Bene, la sicurezza ha permesso il mantenimento ed il ripristino della pulizia dei luoghi a cominciare dal parcheggio del Liceo “Marie Curie” sede di partenza, fino anche al gioiello della P.zza Municipio. Proprio in P.zza Municipio oltre al divieto di servire le bevande in contenitore di vetro – esteso a tutte le tappe ma qui negli anni scorsi ci fu polemica per via della frantumazione di diversi “soldatini” – sono stati predisposti dall’ufficio ecologia del comune di Meda contenitori per raccogliere l’immondizia, che è stata raccolta appena terminato l’evento.

Per ultimo ma primo per nobiltà del gesto è il fine BENEFICO che l’iniziativa ha verso la sfortunata popolazione del Malawi. Come si può non avvallare un’iniziativa che porta a donazioni consistenti ad un’attività che opera in condizioni difficili come fa la Onlus “Orizzonti Malawi”?

Oltre a questo la manifestazione è servita da volano economico per il comune: sottolineo centinaia di partecipanti tutti paganti! ed è servita a far conoscere il comune ha persone arrivate da Lecco, Como, Bergamo fino a Venezia

ALLA #BAM UNA PANDA DIVENTA UNA BICICLETTA

E’ inutile negare la presenza di alcol all’interno della manifestazione – anche se su 700 e passa partecipanti c’è stato un solo caso di persona che è stata male, quindi immaginate la quantità che ne era a disposizione, bassa – ma sarebbe stato più grave continuare a negare la presenza della manifestazione in sé. La #bam ormai è un evento fisso nel calendario medese, credo che possa diventare un lascito di una generazione al Comune – come negli anni è stato il Palio tramandato dai fondatori ai successivi organizzanti – e può esser veicolo di divertimento responsabile. Chi si lamenta per schiamazzi, alcol – la soluzione sarebbe perciò non far svolgere il 90% delle manifestazioni organizzate sul territorio medese – partecipazione non merita di vedere una MEDA così bella e colorata come lo è stata la sera del 9 giugno 2018. Questo è stato merito del gruppo BAM e della Biciclettata Alcolica.

L’edizione #BAM2018 è stata un successo di organizzazione e partecipazione! Il Comune ha vinto la sua scommessa patrocinando l’evento; Amministrando come deve fare quello che avviene all’interno del proprio territorio, controllando. Tutti: amministrazione, organizzatori, gruppo sicurezza si sono assunti responsabilità verso cui potevano tranquillamente far spalline, regalando a Meda una splendida notte di movida unica, augurandosi di esser capostipite di un nuovo futuro giovane allegro e colorato che faccia dimenticare il passato grigio e dormiente del comune della generazione degli edificanti

Da giugno 2017 ricopro su preferenza dei miei concittadini il compito di CONSIGLIERE COMUNALE per la Città di MEDA

PER SEGNALAZIONI E IDEE Non esitare a contattarmi  qui:

consigliere.terraneo@comune.meda.it

 

Condividi questo post sui tuoi Social
    Categories: GIOVANI Tag:, , , ,

    2 Reply to “#BAM Scommessa VINTA! MEDA Pedala giustamente”

    1. MEDA 19-06-2018 SCUSAMI CONSIGLIERE TERRANEO,MI SEMBRA CHE MEDA SIA UNA CITTA DEGRADANTE DAL LATO DEL IMMAGINE E DECORO,CON ERBACCE IN CENTRO CITTA’ DA MESI ESISTENTI E NON TAGLIATE ………….. ESEMPIO PROPIETA ‘BESANA DAVANTI AL ASILO, E SIEPI PRIVATE CHE INVADANO LA SEDE STRADALE. SCUSAMI E’UNA COSA INDECOROSA.SCUSAMI ANCORA.CIAO…………..

      1. Buongiorno Gaudenzio, assolutamente non deve scusarsi per la segnalazione. Lei è vivamente partecipe a molteplici iniziative del Comune, fa servizio alla cittadinanza e merita più di altri (a me piace riconoscere e far disparità) di aver una risposta. Vero: Meda dal punto di vista del decoro è messa male, ma lo è perchè chi l’ha governata negli ultimi anni ha lasciato perdere le opere di manutenzione, agendo solo mettendo piccole toppe dove si aprivano voragini. L’esempio che mi ha portato è un esempio dove il comune da se può far ben poco, altro è invece la situazione a livello generale dove in questo anno abbiamo migliorato l’efficienza nella gestione del verde, sottoscrivendo un nuovo contratto di taglio/cura dell’erba impostato sul centimetro e non sul numero di tagli. Al momento infatti sono già stati effettuati 2/3 tagli stagionali. Il q.re San Giorgio non è mai stato così curato.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *