ELEZIONI MEDA 2017, RIVITALIZZARE IL QUARTIERE SAN GIACOMO

4 Comments

#MEDA2017 : IL QUARTIERE SAN GIACOMO NEGLI ULTIMI ANNI E’ STATO LASCIATO AL SUO DESTINO COMINCIANDO UN naturale PROCESSO DI DEGRADO CHE trova manifestazione NELL’ incuria di STRADE e AREE VERDI presenti nella REALTA’. L’ATTUALE AMMINISTRAZIONE e’ intervenuta con il contagocce sulla zona e laddove si e’ spesa, e’ riuscita a creare disservizi alla comunita’.

Anni 70 – 80, il comune di MEDA vive un’ampia espansione urbanistica che vede la nascita di aree residenziali di dimensioni tali da condurre il paese ad ampliare i suoi confini abitativi per via della formazione di nuovi quartieri. Oggi la nostra cittadina è “popolarmente” suddivisa in tre macrozone:

  • MEDA STORICA – dalla Ferrovia ai confini di Lentate S.S., Camnago, Barlassina, il centro storico e il Parco della Brughiera fino alle quattro contrade
  • MEDA SUD – Il Polo –
  • MEDA NUOVA – dalla Ferrovia ai confini di Seregno, Cabiate, il QUARTIERE SAN GIACOMO, il centro commerciale ed il cimitero

La cosiddetta area “NUOVA” (o meglio, da un punto di vista urbano-storico: di recente realizzazione) è oggetto delle mie attenzioni (poiché è la mia casa) e rientra nell’interesse del candidato del centrodestra unito alla carica di sindaco, alle elezioni amministrative #Meda2017 del prossimo 11 giugno, LUCA SANTAMBROGIO, che ha inserito nel programma (qui il link della presentazione) una voce riguardante la Valorizzazione dei Quartieri.

E’ COMPARSO IL DEGRADO

Mai come negli ultimi cinque anni il Q.re SAN GIACOMO è vissuto nell’assenza di intervento da parte di un’amministrazione pubblica concentrata su altre priorità. Manti stradali, aree verdi, mostri edilizi sono specchio dell’assenza di progetti per la zona da parte dell’attuale giunta; la quale, laddove ha deciso di intervenire, ha agito creando situazioni di disservizio ai cittadini. Diversamente da quanto è successo nel quinquennio precedente dove  – oltre alla #medateca (facente parte di questa zona medese ma collocata nel centro commerciale cittadino) – la guida leghista intervenne con l’opera madre della “riqualificazione della palestra di Via Cialdini” (trasformata dal sindaco PD in questi anni – 2014 – come moschea part-time per la festa del Ramadam) e soprattutto creando il “Largo Gramsci”: opera questa che ha permesso in primis di metter in sicurezza il piazzale antistante le scuole elementari “San Giorgio” e in secondo luogo divenuto uno spazio ricreativo per i giovani (dalle foto si mostra l’incuria del prato di quest’ultimo)

Ecco alcuni casi che non sono stati curati dai nostri amministratori nemmeno in quest’ultima fase pre-elettorale caratterizzata da una sovra-esposizione di interventi …
URBANISTICA

Va a concludersi un’intera legislatura amministrativa caratterizzata dall’assenza di un piano di manutenzione straordinaria delle strade. In particolare tutta l’area Nuova è caratterizzata da un pessimo manto stradale: segnaletica sbiadita o “addirittura assente”, marciapiedi divenuti trappole per i pedoni e parcheggi non delineati. In particolare porto all’attenzione del lettore le situazioni che oggi gli abitanti vivono in alcune vie del quartiere.

L’attuale amministrazione ha avuto modo di intervenire nell’urbanistica del quartiere con alcuni grossi progetti. Modifica del senso di marcia per le automobili in Via Cialdini e realizzazione di una pista ciclabile di 250 mt in Viale Brianza. Entrambe le realizzazioni hanno creato disservizio alla comunità – fino a mettere a rischio l’incolumità della persona stessa (ci sono stati numerosi incidenti nei giorni post termine dei lavori) – ma quel che lascia di stucco è la presenza di un ingombrante palo della luce e di una centralina elettrica all’interno della pista ciclo-pedonale da poco realizzata. Una tale barriera architettonica che invoglia i ciclisti – tra l’altro l’ingresso e l’uscita laterale è un’ulteriore problema – a continuare ad utilizzare la ristretta carreggiata che dovrebbe esser ad uso unico degli automobilisti. Ora, oltre alla spesa di realizzazione dell’opera i cittadini dovranno pagare anche la rimozione degli oggetti che oggi non consentono la piena fruibilità della pista; un’extra spesa che non passerà inosservata ai nostri amministratori, eccessivamente focalizzati sui numeri tanto da non vedere le opere che approvano.

E’ necessario al fine di ristabilire un decoro urbano generale intervenire urgentemente sulle strade e sui marciapiedi di questa area cittadina. I diversi colori dell’asfalto che potete vedere percorrendo queste vie sono testimonianza di soluzioni toppa e non di un programma generale.

AREE VERDI

Il Quartiere San Giacomo ha due fortune: sia all’interno che appena fuori dai suoi confini sono presenti spazi verdi. Queste aree, in particolare quelle “medesi”, l’area prossima al quartiere è il Parco Porada, sono il regno dell’incuria. Il San Giacomo ha all’interno di sé alcuni percorsi verdi, una rete di sentieri che si articola fra le abitazioni ed i capannoni che conducono ad un parchetto piccolo ed incustodito che spesso è teatro di spaccio. Questi percorsi, sono delle vere zone franche per la microcriminalità poiché non hanno alcuna segnalazione e non sono per nulla illuminati.

Vista l’assenza di un parco in questa area, la parrocchia e l’Oratorio di Don Ernesto hanno fatto da punto di raccolta per i giovani locali, sarebbe bellissimo attrezzare questi spazi a:

“PARCO DEL SAN GIACOMO”

Chi ha già un parchetto sono i nostri amici a 4 zampe. Spesso al centro di polemiche, colpa sempre dei padroni, per le loro deiezioni, gli animali domestici possono trovare svago nell’AREA CANI di Meda che si trova all’angolo fra via San Giorgio e Via Dell’Artigianato. Mi correggo: potrebbero trovare svago, perché l’incuria dell’area non invita i padroni a recarsi in questa area. Nessun gioco, nessun punto di distribuzione di sacchetti per la raccolta delle feci canine, rendono il prato (mai tagliato) un campo schifoso in cui portare un animale che poi passa la sua quotidianità nelle nostre dimore.

Bisogna valorizzare questo spazio, rendendolo fruibile ai possessori di cani e farne una volta riqualificato un punto di partenza e di esempio per esportare questa realtà negli altri quartieri medesi

andrea terraneo

per SANTAMBROGIO SINDACO
#SCRIVIANDREATERRANEO

ELEZIONI MEDA 2017, RIQUALIFICHIAMO I PARCHI !

3 Comments
Dal punto di vista morfologico, Meda rappresenta una piccola eccezione nel contesto ambientale in cui è inserita. Rispetto ai paesi confinanti infatti, la nostra Città gode di enormi spazi verdi, i quali però oggi versano in pessime condizioni. L’ attenzione dell’amministrazione e la realizzazione di un progetto regionale potrebbero rivelarsi l’ occasione per trasformare uno stato di degrado ed incuria in un contesto fruibile per famiglie e sportivi, coinvolgendo nell’opera la cittadinanza.

UNA QUESTIONE MORALE

Al termine della mia esperienza calcistica, non brillantissima ma indimenticabile in alcuni istanti, decisi di avvicinarmi alle attività motorie outdoor, gli sport all’aperto. Dal 2009, sfruttando la morfologia del territorio e i ricordi dell’infanzia (quando venivo accompagnato dal nonno) pensai di scegliere come area di svago i sentieri della Brughiera.

Allora raggiungere la Zoca dei Pirutit rappresentava per il sottoscritto un autentico miraggio, ma l’obiettivo nascondeva il piacere di immergermi un autentico “Oasi” all’interno del contesto industriale che contraddistingue la parte brianzola della nostra cara Lombardia. La casa dei soci – dove come ultimo ricordo ho l’assistere ad una frazione del Giro D’Italia che vide in fuga Ivan Basso e Garzelli – i due laghetti con le tartarughe e le paperelle, i pescatori ma prima di tutto i volti degli anziani e dei giovani che godevano del “verde pulito”.

Quasi dieci anni dopo, quel luogo non esiste più! o meglio, è ridotto ad una piccola “Consonno” comunale, regno del degrado e dell’incuria; condizione questa estesa non solo alla Zoca, ma anche alle zone prossime al sito. Per uno che si allena regolarmente su quei sentieri infatti, capire i confini fra Meda e gli altri paesi è naturale: incuria da noi, interventi nel resto del parco.

Oltre ad un attaccamento morale verso le zone sopracitate; quello che mi fa rabbia è il fatto che il Parco Sovracomunale della Brughiera Briantea abbia un elevatissimo grado di pedonabilità proprio in Meda, testimonianza questa di un’attenzione che il popolo rivolge a questa tematica, spesso però trascurata negli ultimi anni.

I PARCHI

Di giardinetti pubblici inseriti all’interno della città, recuperati da spazi non edificati tra i palazzi, me ne occuperò più avanti; in questo intervento voglio dedicare la mia attenzione ai due PLIS presenti, o comunque adiacenti, a Meda:

  1. PLIS PARCO BRIANZA CENTRALE
  2. PLIS PARCO DELLA BRUGHIERA

1.  Il PARCO BRIANZA CENTRALE, fa capo amministrativamente al comune di Seregno, ma, ci interessa molto da vicino per via delle aree: PORADA e MEREDO, abitualmente frequentate dai cittadini medesi. L’area Porada è oggi ai massimi livelli di avanguardia nel campo sanitario (area def) ed infrastrutturale (il Sindaco EDOARDO MAZZA -CDX- ha appena riqualificato per gli anziani il campo da Bocce – non è quello in copertina dell’articolo – e lo scorso luglio ha consegnato ai più giovani un nuovissimo campo da basket; oggi apprezzatissimo) il Meredo è più off-road, ma molto curato.

In particolare, la mia attenzione riguarda le
vie d’accesso che conducono il cittadino medese all’interno delle sopracitate strutture.

L’entrata medese della Porada, che avviene da una traversa di Via L. Einaudi, va assolutamente riqualificata estendendo l’attuale pista ciclo/pedonabile oggi presente in Via Cialdini,
all’altezza delle Scuole Elementari San Giorgio, fino appunto alla porta medese del Parco.

Lo stesso discorso andrebbe fatto per la zona che conduce al parco del Meredo. Meda ha la sua entrata in esso, dal Q.re Meda Sud nella zona est di esso, ma spesso si preferisce raggiungere il parco passando direttamente dal Ceredo, in Seregno. Qui il problema è duplice e così risolvibile: metter a conoscenza il cittadino della possibilità di ingresso con un’adeguata segnaletica cittadina e ancor più importante, salvar questi punti di accesso dal degrado assoluto che li rende delle vere e proprie discariche a cielo aperto.

2. Il PARCO DELLA BRUGHIERA BRIANTEA ha storia più antica. Nacque nella metà degli anni 80 allo scopo di fornire una tutela a flora e fauna che, allora come oggi, contraddistinguevano la Brianza Comense. Tutt’ora è un parco sovracomunale che oltre ad ospitare i comuni della bassa lariana, coinvolge anche la realtà Medese, essendo la nostra cittadina protagonista centrale di tre percorsi facenti parte della rete sentieri del parco, oltre che esser meta abituale della tratta Meda-Montorfano (punto più a Nord dell’area).

Per il cittadino medese, l’ affare Zoca dei Pirutit rappresenta una ferita che le amministrazioni passate ed attuali non sono mai state capaci di ricucire. Negli ultimi anni, la vicenda è sparita dall’agenda politica cittadina (l’ultima citazione è dovuta all’utilizzo strumentale fatto sull’area per l’approvazione del PGT cittadino).

Focalizzare tutta l’attenzione sulla Zoca e sulla sua gestione, genererebbe un nuovo errore; poiché:

TUTTA L’AREA DEL PARCO DELLA BRUGHIERA CORRISPONDENTE AL LOTTO MEDESE, VERSA OGGI IN CONDIZIONI DI ASSOLUTO DEGRADO ED INCURIA

Alberi diroccati e ramificazioni varie che ostacolano la pedonabilità dei sentieri, difficoltà di accesso per chi volesse pedalare in Mountain Bike, fino alla delinquenza dei cittadini, taluni che utilizzano alcune aree come discariche a ciel aperto e mentre altri usufruiscono della vegetazione crescente a loro vantaggio per nascondere fenomeni di microcriminalità. Pesa infatti, sull’intera area una condizione di degrado e assenza di controllo che la rende una zona franca per chiunque, malintenzionati compresi.

Uno stato delle cose che oggi azzera le possibilità di sfruttamento e indotto -non per forza economico- che Meda potrebbe beneficiare dal suo grande polmone verde che è il PLIS PARCO BRUGHIERA BRIANTEA.

IL FUTURO DEL PARCO

Se per regolamentare e riqualificare gli accessi medesi al Parco Brianza Centrale, l’amministrazione può intervenire direttamente nella realizzazione di progetti che consentano la modeifica dell’urbanistica cittadina, per il Parco della Brughiera bisogna aspettare un passaggio fondamentale.

La condizione di degrado sviluppatasi come un cancro in metastasi negli ultimi anni potrebbe trovare una preziosa cura nel progetto di fusione tra il nostro PLIS PARCO BRUGHIERA BRIANTEA e il PARCO DELLE GROANE, che porterà all’istituzione del PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA, progetto di legge regionale 2016, a cui il consiglio comunale medese ha già aderito.

Una volta passato il progetto, il nuovo ente avrà poteri in grado di salvaguardare in primis le aree verdi esposte al rischio di colate di cemento e ancor più importante consegnerà maggiori poteri ai comitati, aderenti e volontari che continueranno a dimostrare amore verso questa zona, facendo da angeli custodi della nostra flora e della nostra fauna.

E’ compito dei futuri amministratori, spingere – facendo sentire la voce dei cittadini anche in ambiti superiori rispetto al proprio comune – per la realizzazione completa del progetto PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA per una successiva riqualificazione delle aree interessate, in modo che esse risultino nuovamente funzionali a famiglie, sportivi ed appassionati. Inoltre si potrebbero dotare le zone interessate di strutture capaci di rendere fruibili alcuni percorsi anche a chi oggi non ha l’occasione di addentrarsi in questo angolo della città: i portatori di handicap.

Non solo sul comparto edilizio, ma anche sul verde; prima di realizzare il nuovo, occorre riqualificare il grande polmone verde della nostra città

ANDREA TERRANEO

#SANTAMBROGIOSINDACO

#SCRIVIANDREATERRANEO

DOMENICA 11 GIUGNO 2017
VOTA LEGA NORD
SCRIVI ANDREA TERRANEO
COME CONSIGLIERE COMUNALE

IL MIO ESORDIO

Prima di cominciare: eliminiamo subito la formalità, il politichese ed il politicamente corretto da questa pagina.

 

Questo è lo spazio di ANDREA, una pagina pensata come piattaforma digitale dove buttar giù delle idee; idee che parallelamente proseguiranno il percorso della prossima campagna elettorale; periodo nella quale Voi Cittadini sarete chiamati ad esprimere la vostra preferenza, la quale segnerà il futuro del Vostro, Nostro Paese.

 
Perdono, non Ti Ho ancora salutato:
 
CIAO !
 
Come detto in precedenza, ufficialmente il 29 Marzo 2017, il Ministro dell’Interno: MARCO MINNITI ha indetto “Le consultazioni per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali” per il prossimo 11 Giugno 2017, con eventuale turno di Ballottaggio a seguire dei soliti 15 giorni canonici, il 25 Giugno 2017.
 
Da qui alla data scelta, di acqua sotto i ponti ne scorrerà molta, e la voglia di raggiungere le mete estive sarà altissima,
 
però come da più di 70 anni a questa parte, il richiamo delle Urne sono sicuro si farà sentire.
 
La voce più forte per alimentare questo suono dovrà esser quello degli attori delle forze politiche che si andranno a sfidare. Inutile dire che la campagna elettorale sarà all’insegna della pacatezza e del garbo, mentiremmo ai cittadini e piuttosto che ai seggi gli faremmo da subito venire l’idea di farsi un week-end al mare o in montagna (sempre per chi può. Purtroppo, ringraziando le politiche comunitarie e del governo centrale, via via il rituale della tintarella è sempre più divenuto un lusso per il comune cittadino)
Nei prossimi mesi ci sentirete discutere, ci leggerete sui social confrontarci. …Quando ci saranno da alzare i toni, lo faremo; sarà giusto così! perché che sia di destra o che sia di sinistra, chi ci metterà la faccia: lo farà in virtù dell’ Amore Per Meda!
Insieme renderemo l’11 giugno 2017, un nuovo Trionfo della Democrazia.
Quella che andrà a concludersi, sarà ricordata quale la “Legislatura del Voto in piu'” … Gianni Caimi, pensionato prestato alla Politica, ha guidato il paese negli ultimi 5 anni. E’ stato eletto nel 2012 con una giunta di Centro-Sinistra grazie “al singolare” voto di scarto sul leghista Giorgio Taveggia, ex sindaco plurimandatario. Taveggia ha pero’ aggiunto al suo curriculum da sindaco medese ancora un altro periodo in questi anni … La storia e il peso degli eventi è stata scritta da vari giudici che dopo un ping pong di sentenze hanno deciso in ultima sede del Consiglio di Stato di mandatare l’incarico all’attuale sindaco Caimi.
Il sindaco partito da un’alleanza di matrice Pisapiana, ha deciso poi di seguire una nuova moda: stringendo accordi impliciti con l’esistenze NCD (da parte del PDL cittadino) sul territorio;
Piccoli Renzi e Alfani Brianzoli.
Premettendo che nella mia vita ho sempre votato il Presidente Silvio Berlusconi, negli ultimi anni sono stato folgorato dal carisma e dalla forza di Donald Trump, di cui condivido una grossa fetta dei suoi pensieri.
Ho così deciso di seguire a livello italiano chi oggi ha abbracciato le sue politiche; le quali tra l’altro con le dovute misure; sono molto attuali e applicabili alla realtà medese:
  • Asse con la Russia = Favorirebbe l’esportazione e il commercio delle ditte, che dire ditte: ECCELLENZE presenti sul nostro territorio
  • Sicurezza = solo il 3% della spesa di bilancio 2017, è stanziato per la sicurezza dei cittadini. Pochissimo! tanto è che gli abitanti devono organizzarsi in vere e proprie squadre di volontari per proteggere se stessi e gli altri
  • Immigrazione = Nessun muro! Sono contrario all’ospitalità concessa ai non rifugiati e sposo al 100 % la linea intrapresa dal nostro vicino Sindaco di Seregno Edoardo Mazza sulla questione “Daspo Cittadino”
 
Certo Trump è una cosa assai grande; però nessun politico negli ultimi anni ha stretto un rapporto così forte con il popolo; e per questo nel bene e nel male: è l’ultimo vento di cambiamento soffiato nella politica.
 
  1. CAMBIAMENTO
  2. FUTURO
  3. PERSONA
 
Sono le tre cose che oggi mi hanno spinto a partecipare alla partita per il futuro della nostra/Vostra Città
 
Oltre a queste ho molti progetti per MEDA ma ve li voglio presentare passo per passo …
 
a cominciare da chi è il sottoscritto ….
 
Grazie
Andrea Terraneo